Dietro Le Quinte ha visto per voi "Aggiungi un posto a tavola"

Scritto da: -

Che bello il ritorno della tradizione della commedia musicale italiana!
La versione del 2009 di Aggiungi un posto a tavola ci riporta direttamente ai fasti del 1974, ed è un piacere per gli occhi e per il cuore rivedere le scenografie in legno, girevoli, i costumi tradizionali dello spettacolo (di Giulio Castellacci), le coreografie di Gino Landi, la sua regia storica (ma con il tocco di Dorelli) ed un cast molto simile all’edizione originale.

Vintage? No, modernissima, fresca, sempre attuale, oggi più che mai. Una scommessa vinta, quella di riportarla in teatro dopo 35 anni, per rivederla o per farla scoprire alle nuove generazioni.

“Aggiungi Un Posto a Tavola” (qui la mia presentazione) è stato scritto con Jaja Fiastri, liberamente ispirato a “After me the deluge”, un romanzo di David Forrest, e vanta le musiche di Armando Trovatoli.

E oggi lo rivediamo in tutto il suo splendore agli Arcimboldi di Milano.

Il cast, dicevo.

I brani, all’epoca, furono scritti per piano e voce, per note e “prete” (Come il Concerto per campane e prete, all’inizio dello show), sulle corde vocali e l’intensa caratterizzazione di Johnny Dorelli.

Chi meglio del figlio del Johnny nazionale, Gianluca Guidi, poteva riproporre tali spartiti? Gianluca ha Aggiungi nel suo DNA, ce l’ha nelle sue corde, la voce è carezzevole, quanto quella del padre, l’interpretazione simile, anche se ci dà un Don Silvestro arricchito dalla sua personalità e professionalità. Nessun rimpianto, solo Guidi poteva indossare di nuovo questa tunica: non vidi l’edizione di Scarpati e non posso fare paragoni, ma sono convinta che questo Don Silvestro sia assolutamente più forte.

«Con “Aggiungi un posto a tavola” per me si chiude un ciclo», spiega Guidi. «Vedendolo nel ‘74 decisi che avrei fatto l’attore e oggi ne sono il protagonista… Il resto è un mestiere che si cerca di fare nel migliore dei modi».

Accanto a lui, grandi comprimari, come Enzo Garinei, che interpreta il sindaco Crispino con energia e professionalità (tarattattero tattero tattà) per la seconda volta: così simile a Pietro, eppure così diverso, così personale, misurato, perfetto.


 

http://www.abruzzocultura.it/abruzzo/wp-content/aggiungi-un-posto-tavola1.jpg

Bravissimo Toto Marco Simeoli, che io conoscevo solo come regista (Sweeny Todd), ma che mi ha colpito per le grandi capacità attoriali: un Toto fisicamente diverso da un Pappalardo, ma in parte…in toto, ingenuo e Peter Pan quanto basta.

Splendida voce anche per Titta Graziano, la moglie del sindaco e solo qualche perplessità sulle note di Clementina, Valentina Cenni, che però sopperisce con un'interpretazione brillante, ottime controscene e argento vivo addosso.

La Consolazione arriva al pubblico tramite la giunonica Marisa Laurito: «Garinei mi propose il ruolo già anni fa», ricorda l'attrice napoletana, «ma era da poco mancata Bice Valori che ne fu la prima interprete e io all'epoca non me la sentii. Oggi però credo di poter dare il meglio in un personaggio così sfaccettato».

Una Consolazione che più si avvicina all'originale. Dopo Bice Valori, si passò a scegliere come interpreti delle bellissime donne, come Alida Chelli, ma oggi, che le "meretrici" (o escort?) sono tornate ad essere antipatiche, la scelta di un personaggio così caricaturale, mi sembra l'ideale per suscitare le simpatie del pubblico.

Marisa Laurito è passata da Edoardo De Filippo al musical ("Menopause" The Musical, "Show! Tutti Insieme Abbondantemente" e persino un Masaniello del 1977), è, seppur non intonatissima, è un'ottima caratterista, e il suo personaggio dà quel tocco di napoletaneità, che la rende ancora più straniera in un paesino ubicato un po' qui ed un po' lì.

http://www.eventi-milano.it/images/stories/postoatavola.jpgIl cast di ben 22 persone è poi completato da Leandro Aprile - Vincenza Brini - Federica Capra - Mattia Di Napoli - Domenico Di Santo - Sara Filipucci - Marzia Foglietta - Francesco Italiani - Biagio Nunziata - Elena Ronchetti - Gloria Rossi - Alessandro Schiesaro - Manuela Scravaglieri - Glaucia Virdone e Francesco Vitello. 

Non dimentichiamo anche Andrea Carli, non nuovo a questo spettacolo, che fa parte del corpo di ballo/ensmble, ma che dà corpo/cupola di San Pietro anche al pomposo cardinal Consalvo con la paperiniana voce di "pivetta".

E alla fine, come ogni "Aggiungi" che si rispetti, emoziona particolarmente vedere la colomba bianca che arriva dall'alto del Teatro Arcimboldi, direttamente sulla sedia centrale!

Da non perdere questa commedia musicale: perchè tra le novità fortissime per l'Italia, come La Bella La Bestia o We Will Rock You, c'è posto anche per la deliziosa tradizione, gli archetipi del "musical" italico, dove la premiata firma di Garinei&Giovannini è ancora oggi classe, eleganza, armoniosità ed insieme passato, presente e futuro.

Aggiungi Un Posto a Tavola

Orari : da mercoledì a sabato ore 21 - domenica ore 16

Prezzi :
Platea bassa € 50.00 + prev.
Platea alta € 45.00 + prev.
I galleria € 40.00 + prev.
II galleria € 35.00 + prev.

Ridotti speciali per bambini minori di 14 anni, per studenti under 25 e anziani over 65

Per informazioni al pubblico biglietteria tel. 02.641142212/214 aperta dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 18.00 - E-mail: teatroarcimboldi@ipomeriggi.it - Circuito Biglietteria TicketOne: www.ticketone.it
www.teatroarcimboldi.it - www.youtube.it/teatroarcimboldi - www.myspace.it/teatroarcimboldi

Vi inserisco un video finale, dove Gianluca Guidi ha invitato a sostenere i progetti del CIAI, il Centro Italiano Aiuti all'Infanzia, l'associazione di cui l'attore è testimonial da alcuni anni. Anche durante le repliche presso il Teatro Arcimboldi (28 gennaio - 14 febbraio), i volontari dell'associazione, offriranno la possibilità di regalare tanti sorrisi e portarsi a casa un bel ricordo della serata.

Il CIAI, Centro Italiano Aiuti all'Infanzia, è una Ong (Organizzazione Non Governativa) che dal 1968 si batte per promuovere il riconoscimento del bambino come persona e difenderne ovunque i diritti fondamentali, alla vita, alla salute, alla famiglia, all'educazione, al gioco e all'innocenza.

In quarant'anni di attività il CIAI ha sviluppato tre linee di intervento: la Solidarietà e Cooperazione con i Paesi del Sud del mondo, lo sviluppo di una vera e propria Cultura dell'infanzia, l'Adozione Internazionale.
Il CIAI è attualmente al fianco dei bambini di Vietnam, Cambogia, India, Etiopia, Burkina Faso e Colombia.

SOTTO I MIEI VIDEO DELLA CONFERENZA DI PRESENTAZIONE

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!